Home page

 

Indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

APeC 2013

AVVICINARE PSICOLOGIA E CITTADINI

IL GRUPPO DI PSICOLOGIA CLINICA

COSTITUITO PRESSO L’ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA PROVINCIA DI

TRENTO

 

organizza un ciclo di conferenze

 

1. Mercoledì 06 marzo:

 

 

 

Psicologia… ANCHE COME PSICOTERAPIA:

come si svolge, a quali risultati intende arrivare

Dr.ssa Luisa Lorusso – Psicologa Psicoterapeuta

2. Mercoledì 13 marzo:

Psicologia… CORPO O MENTE:

dove sta la felicità?

Dr. Luca Vivaldi – Psicologo

3. Mercoledì 20 marzo:

 

 

Psicologia… COMPETENZE GENITORIALI:

esiste il manuale della mamma e del papà perfetti?

Dr.ssa Enza Deuscit – Psicologa

4. Mercoledì 27 marzo:

Psicologia CON QUALI OCCHI/CUORE GUARDIAMO I NOSTRI FIGLI:

il figlio, la figlia che non ti aspetti!

Dr.ssa Alessandra Gasperi – Psicologa

5. Mercoledì 03 aprile:

Psicologia… TELEVISIONE, LIBRI, WEB:

dove i giovani trovano nutrimento psicologico?

Dr. Paolo Azzolini – Psicologo Psicoterapeuta

6. Mercoledì 10 aprile:

Psicologia… LA GESTIONE DEI CONFLITTI NELLE RELAZIONI:

quando “diverse realtà” si scontrano

Dr.ssa Lisa Tomaselli – Psicologa

 

 

L'EVENTO E' ORGANIZZATO DAL GRUPPO DI PSICOLOGIA CLINICA costituito da:
Dott.ssa Enza Deuscit, Dott.ssa Luisa Lorusso, Dott. Luca Vivaldi, Dott.ssa Daniela Sannicolò, Dott.ssa Giuliana Grandi, Dott.ssa Alessandra Gasperi, Dott. Paolo Azzolini, Dott.ssa Lisa Tomaselli

 

Qui di seguito, potrete leggere l'abstract della mia conferenza:

COMPETENZE GENITORIALI:

esiste il manuale della mamma e del papà perfetti?

A cura della Dott.ssa Enza Deuscit

 

La genitorialità è una tematica sempre attuale ma molto complessa perché include sia aspetti individuali relativi all'immagine personale (in parte conscia e in parte inconscia) che ognuno ha di come un genitore deve essere e, sia aspetti di coppia cioè del modo in cui i due genitori condividono l'idea di assolvere questo specifico compito.

Ma cosa significa essere genitori oggi? In una società in cui tutto cambia  così velocemente e dove anche la famiglia ha subìto una rapida trasformazione...

Le competenze genitoriali implicano un processo dinamico attraverso il quale si sviluppano qualità, atteggiamenti e abilità per prendersi cura della propria prole e rispondere in modo sufficientemente adeguato ai bisogni dei figli.

Quando si parla di competenze genitoriali, ci viene subito in mente il concetto di disciplina e tutti concordano sulla sua importanza. La diatriba riguarda la modalità con cui ottenerla:

·        disciplina del tipo “punire-tenere sotto controllo”

·        disciplina del tipo “insegnare-educare”

Molte ricerche dimostrano gli effetti negativi del primo tipo: maggiore aggressività nei bambini, maggiore ansia, scarsa autostima, più dipendenza dai genitori, maggiore probabilità che in adolescenza faccia abuso di alcool e sostanze psicotrope...

Il senso comune suggerisce di ottenere la disciplina attraverso due stili educativi:

1.      permissivo

2.      autoritario

E se ci fosse una terza via? Un terzo stile educativo?

3.      autorevole o “sufficientemente buono” (per usare le parole di Winnicott)

Eccovi l'identikit di un genitore "sufficientemente buono":

·        Rispetta il figlio e sa dargli fiducia

·        Riconosce e distingue le emozioni proprie e quelle del figlio

·        Utilizza messaggi in prima persona

·        Risolve i conflitti usando il metodo “nè vincitori né vinti”

·        Ascolta in modo attivo

·        Sa essere flessibile

·        Incarna i valori che propone (è un modello per i propri figli)

·        Sa dare il giusto spazio alla libertà

·        Non usa la violenza (né fisica né verbale né psicologica)

·        Coinvolge il figlio nella scelta delle regole

·        Sanziona in modo appropriato e limitato nel tempo

Un genitore sufficientemente buono riconosce l'importanza delle emozioni (alfabetizzazione emotiva) del proprio figlio e sa che non esse non vanno ignorate, sminuite o derise ma occorre:

·        riconoscerle (esserne consapevoli)

·        convalidarle

·        aiutare il bambino a dare loro un nome

·        porre dei limiti mentre si esplorano le strategie utili per gestirle

Inoltre, è importante che i bambini capiscano che ci sono delle regole al loro comportamento, sia per il bene proprio che per quello degli altri. La differenza sta nel modo in cui i bambini reagiscono alle limitazioni imposte dagli adulti e il modo in cui reagiscono a quelle limitazioni che essi stessi hanno contribuito a determinare.

Coinvolgere i figli nella risoluzione di problemi che implicano accordi, contratti, regole e limiti da osservare, li motiva a mantenere gli impegni presi e li responsabilizza. Inoltre, il bambino/ragazzo acquisterà maggiore sicurezza in sé perchè percepisce che i genitori lo prendono in considerazione in scelte importanti e sentirà riconosciuti i propri bisogni dall'adulto -  metodo “nè vincitori né vinti”: le decisioni prese devono rispettare sia i bisogni dei genitori che quelli del bambino.

Un genitore sufficientemente buono conosce e pratica:

·        l' arte dell'accettazione”: riconoscere che il figlio è “altro da noi amarlo così come è, cioè accettarlo senza pretendere di modificarlo a nostra immagine e somiglianza.

Un genitore  sufficientemente buono costituirà quella:

·        base sicura di cui parla Bowlby, dalla quale il bambino può allontanarsi per esplorare il mondo e farvi ritorno sapendo di poter contare su di essa

E per concludere, ricordiamo gli antagonisti delle competenze genitoriali:

·        Scarsa attenzione alla sfera emotiva del figlio

·        Iperprotezione e ipoprotezione

·        Mancanza dei “no”

·        Linea educativa incoerente

·        Stile educativo autoritario o permissivo

·        Inversione dei ruoli

E.... per finire: ricordate di essere un buon esempio per i vostri figli, poichè imparano da ciò che osservano. A tal proposito, vi lascio con la visione di questo filmato, dal titolo "i bambini vedono, i bambini fanno":

  

Dott.ssa Enza Deuscit

Riceve su appuntamenti a Trento in Via Lunelli, 32

Cell. 339/4687377 (dalle ore 18:00 in poi)

enzadeuscit@gmail.com

www.enzadeuscit.it