Home page

Riflessioni

AFFANNARSI PER LE SCIOCCHEZZE


 

Una signora intraprese un breve viaggio in treno in una zona famosa per il suo splendido paesaggio.

Una volta nel treno, le ci volle un bel po’ per sistemare i bagagli nel modo migliore possibile.

Poi si affannò a sistemare la tendina. Decise di cambiare posto, perché non le piaceva essere all’inizio della carrozza. Dopo aver rovistato nella borsetta per accertarsi di avere il biglietto di ritorno, decise di rilassarsi e di godersi il paesaggio. Proprio allora il conducente annunciò l’arrivo alla stazione alla quale la signora era diretta.

Mamma mia” esclamò la donna “se avessi saputo che saremmo arrivati tanto in fretta, non avrei sprecato il tempo con tante sciocchezze!" Si era preoccupata tanto della propria comodità e soddisfazione da perdere le bellezze del viaggio.

Il tempo è prezioso. Deve essere utilizzato in modo saggio e non sprecato.

Qualcuno ha scritto: "la ruota del tempo gira velocemente e l’ultima stazione si sta avvicinando. Molte cose sono insignificanti. Concentrati sulle cose principali della vita. Vivi come vorresti aver fatto quando senti l’annuncio dell’ultima stazione”.

Nel nostro viaggio lungo la vita, ci stiamo preoccupando delle cose che contano realmente? Oppure ci stiamo affannando per le sciocchezze?

 

" Non siate in ansia per la vostra vita, di che cosa mangerete o di che cosa berrete... guardate gli uccelli del cielo: non seminano, non mietono, non raccolgono in granai e il Padre vostro celeste li nutre. Non valete voi molto più di loro? E chi di voi può con la sua preoccupazione aggiungere un'ora sola alla durata della sua vita?"

(Matteo 6:25-27)